I Testimoni, Apollo e la Bella Stagione [Episodio I]

Immagine

Fuori il tempo era pessimo, un vero inferno, pareva cadessero cani e gatti dal cielo. La via davanti a casa era buia e traditrice, senza dubbio il posto e il momento giusto per commettere un efferato assasinio. Lo scrosciare dell’acqua era cosi’ forte che avrebbe coperto anche il rumore di una piccola raffica di un fucile d’assalto. Il fiume in piena che scorreva nel buio di fronte a casa, avrebbe ripulito tutto.

In quella sera, pensavano nessuno avrebbe osato aggirarsi per strada, neanche gli spiriti.

Uno squillo alla porta… Impossibile, forse la Televisione. Pensò Marco.

Uno squillo alla porta… Forse uno di quei dannati pupazzi di Fabio che gli continuavano a regalare i nonni, pensò Monica.

Uno squillo! Si guardarono.

Marco disse “Vado io”. Lei prese vicino a sè il bambino e lo strinse forte tra le braccia. La torre si sgretolò in piccoli blocchi colorati. Fabio imprecò tra le labbra, senza saperlo ancora fare, ma era una sera dove tutto poteva accadere, questo però lo avrebbero capito solo in seguito.

Marco alzò lo spioncino della porta e non potè fare altro che spiare nella notte. Solo il buio.

Si allontanò, incrociò lo sguardo di Monica e per riprese ciò che aveva interrotto.

Si udirono chiaramente nell’oscurità tre colpi sulla porta e poi ancora tre, quasi un bussare convulso.

Marco afferrò d’istinto la prima cosa che trovo tra le mani e spalancò la porta per sfuttare l’effetto sorpresa. Di fronte a lui due spiriti, forse di un uomo e una donna, bianchi in viso e sulle labbra un sorriso disarmante.

Tutto riprese a muoversi, i due spiriti di fronte a Marco e a Monica si fecero di carne e dissero all’unissono:

-Siamo venuti a portarvi un nuovo Dio.

Marco li guardo’ senza capire, poi nuovamente senza capire temendo la vendita di qualche miracoloso prodotto esordì dicendo:

-No grazie siamo già attrezzati, siamo appena sposati, in lista nozze avevamo anche il Folletto e Bimbi, poi ho uno zio frate, tra l’altro l’ho visto di recente…. ho ancora la dispensa piena…

Accorse Monica dopo aver liberato il piccolo Fabio dalla stretta materna.

-Entrate, ho appena preparato un tè della madonna che ha portato suo zio direttamente da un posto che… Fuori c’è un tempaccio, accomodatevi.

-Accomodatevi, io sono Monica lui è mio marito Marco, il rè del tassello e la piccola peste è Fabio. Saluta Fabio…. Fabio li spernacchio e poi rise conquistandoli subito.

Marco che fino a quel momento gli aveva puntato contro uno splendido modello di trapano multi power armato di punta del dodici per il cemento armato, disse con poca convinzione:

-Si, prego accomodatevi tanto ne abbiamo fatto alcune tazze in più, non si sa mai che qualcuno si presenti alla porta in una giornata d’inferno.

I due spiriti si presentarono come Aran lei e Giobbe lui e ringraziarono molto dell’invito.

-Sapete, ci ha sorpresi il temporale mentre eravamo in giro per la pastorale.

Monica versò il tè.  –sentirete che buono, è veramente rinvigorente vi toglierà il freddo.

Marco posò il trapano vicino a lui.

Aran inizio la conversazione con un classico che va sempre bene con ogni tempo:

-Sapete nella Bibbia, nell’antico testamento, quello che ha scritto Mosè, si dice che…

Monica l’interruppe

–Aran, posso darti del tu? Lo sappiamo tutti che Noè era un esaltato. Figurati! Uno che cotruisce una nave enorme nel deserto, poi sale su una montagna e torna con un sacco di tavole con scritte le cose che gli ha detto Dio. Sai cosa pesa una sola tavola? I miei genitori hanno una casa in montagna e quando hanno deciso di piastrellare è stato una fatica. Sapete cosa pesa una scatola di piastrelle anche solo 15 x 15 fatte adesso e non duemila anni fa 30 x 40 ?

E poi c’è sto vecchio, perche’ Noè era un vecchio rincoglionito che, sembrava pure non potesse avere figli… anche li “Pater forse è Mather certa es”. Comunque a parte queste cose che, tra l’altro, la chiesa ti fa due palle sul sesso e poi questi… sappiamo cosa facevano senza televisione.

E comunque, è come se io scrivo tutta una serie di cose oggi e poi tra duemila anni uno la ritrova e la gente crede che… in somma lo sapete la Bibbia è un libro di fantascenza. Tutti questi nel loro genere santoni predicatori… conoscete Ron Hubbard quello di scentology, lui prima scriveva romanzi di fantascenza, un pò come Noè ma non era appassionato di mare, un giorno uno di questi libri è venuto così bene, che ha detto che era salito su una montagna perchè c’era una voce che lo chiamava ed è sceso con questo libro, tra l’altro il vero miracolo è che aveva anche la copertina e il prezzo in dollari. E un sacco di babbioni, incluso quel pezzo di marcantonio di Tom Cruise, gli hanno creduto e si sono piastrellati la casa con le tavole della legge che ha portato giù dalla motagna, metre Ron si è piastrellato la casa di oro, macchine sportive, moto e belle donne.

Giobbe un po stupefatto le disse: -Ma tu non credi in Dio?

-Io credo in Apollo, nelle forze della natura, nel dio sole, nella bella stagione che ti fa asciugrare in panni stesi in poche ore, che ti fa diventare la pelle dorata e fa crescere la verdura in giardino. Perchè voi no?

Marco che fino a quel momento si era un po’ estraniato, disse che credeva che se non beveva in fretta il te’ si rarebbe raffreddato. Al momento quella era la più grande verità.

Aran e Giobbe fecero tre lunghi sorsi in cerca di un’ispirazione divina, poi Giobbe rinvigorito dalla bevanda disse:

-Marco dimmi, a te non interessa la salvezza della terra, un futuro migliore per tuo figlio

-Nella Bibbia si dice: “Polvere eravamo e polvere ritorneremo”

-Aran, Giobbe,  ormai siamo in sintonia vero? Sento che c’è feeling! Ditemi una cosa, io e Marco ci chiedevamo, soprattutto Marco, lui si vergogna ma è molto curioso… I vostri nomi, Aran e Giobbe sono nomi d’arte che usate quando andate per case a cercare pecorelle… dico bene? No perchè negli anni duemila, tra l’altro passati da ormai un po’ di anni, come si fa a dare due nomi così, cioè non è che siete fratelli e poi, da cosa nasce cosa, non avevate cugini e si sa che le prime cose sporche si fanno che i cugini per le femminucce e le cugine per i maschietti. È si, è così, è normale non dovete arrossire ne’ darmi risposte il vostro segreto è al sicuro con noi vero Marco?!

Marcò ingoiò tre biscotti in un sol colpo per camuffare la vergogna, poi guardò fuori e disse:

-Guardate, la pioggia è finita, che sia un segno, che si sia fatta pure ‘nacerta…

Continua…

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...